Sevilla

Scritto da markinho Gio, 27/02/2014 - 09:51
Flamenco, tapas, vita, storia, sole, amore. Metter piede a Sevilla significa cominciare a sognare... lo que quiere
Cosa Troverai: 

Sevilla è una città piena di sole, di gente allegra,  turisti,  ristorantini,  luoghi ricchi di storia,  locali dove passare la sera e soprattutto ostelli e pensioncine in stile arabo che vi faranno sentire con un piede in Marocco. La "medina" Sevillana è di origine romana ma molto simile a quelle magrebine...

Smarritevi seguendo i profumi delle taperie!


Stazioni ferroviarie

Sevilla santa justa è la stazione principale della città. Dall'aeroporto si ferma il bus EA e, una volta arrivati, potete trovare treni per Almeria, Cadiz, Cordoba, Madrid, Jaen, Huelva e località minori.

 


Torna su

Informazioni sui treni

Spagna

La RENFE è la compagnia spagnola (in origine Red Nacional de los Ferrocarriles  Españoles, logo sui vagoni RENFE, sito www.renfe.es). La situazione delle prenotazioni sui treni spagnoli è abbastanza complicata ed è  consigliabile una certa pianificazione perché in alta stagione i treni possono essere pieni per giorni. Le prenotazioni possono essere fatte alle biglietterie o alle macchinette selfservice nelle stazioni. Treni con prenotazione obbligatoria:

  • Arco, Talgo, Diurno (seconda classe €6,50 prima classe €10)
  • Avant per tutte le classi €6,50
  • AVE treni ad alta velocità (seconda classe € 10,00, prima classe € 23,50  comprensiva di pasto e bevanda)
  • Euromed, Alvia, Altaria, Alaris (seconda classe €6,50 prima classe, prima classe € 23,50 comprensiva di pasto e bevanda)
  • TRD per tutte le classi €4,50
  • Estrella and Trenhotel, treni notturni.

Siccome lo scartamento spagnolo è diverso da quello europeo esistono pochi treni  internazionali che collegano la Spagna al resto del continente. Questi treni hanno la  possibilità di adattarsi ad entrambi gli scartamenti e sono spesso gestiti da compagnie a  parte e comportano il pagamento della prenotazione e/o di un supplemento.

Treni che non richiedono prenotazione:

  • InterCity
  • Regionali e Interregionali
  • Cercanías (treni suburbani)

Torna su

Dove trovare info utili

L'oficina de Turismo più centrale è sicuro quella dell'Avenida di contitucion  21 , una delle vie  del passeggio Sevillane.  

L'altra è in stazione centrale.

 

Su internet:

www.andalusia.org

http://www.spain.info/it/que-quieres/ciudades-pueblos/provincias/sevilla.html

 


Torna su

Aeroporti

L'aeroporto di Sevilla, il San Pablo, è ottimamente collegato col centro città da un servizio navetta (AE ) che connette Plaza de Armas allo scalo cittatino con frequenti corse.

I voli da e per Sevilla coprono, grazie soprattutto a Ryanair, rotte in tutta Europa e in Italia in città come Milano ( Orio), Bologna, Pisa, Roma Fiumicino, Bari e Palermo.


Torna su

Stazioni degli autobus, navi e altri mezzi

Sevilla conta due stazioni dei bus principali:

Plaza de Armas: su cui fanno rotta i bus a lunga percorrenza nazionali e quelli internazionali che si trova leggermente decentrata rispetto alla città ma comunque raggiungibile a piedi in 20' a massimo seguendo il fiume Guadalquivir  e la  calle Arjona che lo costeggia.

Estacion del Prado:  collocata nella zona del Prado, ospita soprattutto gli arrivi e le partenze di pulmann locali o comunque diretti in Andalusia. Andate con un po' di anticipo se non avete già il biglietto perchè non ci sono i tabelloni con le partenze e può capitare di trovare l'unico sportello aperto della compagnia chiuso per pausa (15' )


Torna su

Itinerari in bici e piste ciclabili

Il centro è quasi tutto ciclabile e contrassegnato, il clima mite invernale quasi mai piovoso ideale per l'uso della bici. Il classico bike shariring presente come in tutte le città importanti e turistiche.

Tutte le info con le mappe : http://en.sevici.es/

 


Torna su

Trasporto locale (bus, tram, metro etc.)

Il sito dei trasporti urbani è quello della tussam : http://www.tussam.es/ 

Sevilla per il momento ha solo una linea della metro,  più che sufficiente per una città così pedonabile e ciclabile.

 


Torna su

Quando andare, come vestirsi e clima

Sevilla, come in tutta Andalusia, ha un clima a dir poco clamoroso d'inverno che, per noi italiani, vale a dire sole, temperature primaverili anche in pieno gennaio e possibilità di mangiare nei tavolini all'aperto! D'estate la situazione si fa un po' più pesante perchè le temperature salgono fino a 40-45° C ma gli spagnoli sanno difendersi. Aria condizionata a parte, starsene in giro con le infradito e fermersi a bere litri di tinto de verano e birra in giro cercando refrigerio non ha prezzo... Scegliete voi la stagione giusta. Il sole non dovrebbe mai mancare.


Consigli generali

In tutta Sevilla non mancano localini per assaggiare Tapas, montaditos e altri economicissimi cibi locali tipicamente spagnoli o andalusi. L'importante e gestire bene gli orari calcolando che dopo le 20 , le Taperie diventano di egemonia dei Sevillani e, trovar posto a sedere diventa quasi un impresa.

Per quanto riguarda ostelli, pensioni e alberghetti, invece, c'è solo l'imbarazzo della scelta: nuovi, vecchi, in stile arabo, con o senza colazione. Cercate e troverete.


Torna su

Ostelli, campeggi e altri luoghi per dormire

Grand Luxe Hostel: in Calle Don Remondo 7, a pochi passi dalla Cattedrale è sicuramente al top delle nostre preferenze. Stanze ed interni seminuovi con letti a castello in legno scuro e materassi comodissimi. Impeccabile sotto ogni punto di vista a cui si aggiungono  colazione e  terrazza con  vista città e cattedrale.

Hostel Trotamundos: Ostello in stile arabo di grande impatto visivo in Calle Bailen 12. Quando ci siamo stati era frequentato soprattutto da ragazze  padrone indiscusse di tutti i locali comuni. Il paradiso? forse, finchè non hai bisogno del personale che non si trova mai...

Rooftop Hostel: In Calle Dos de Mayo 16, è il tipico  ostello da fiesta con tante paellate, sangria party e varie organizzate sulla grande terrazza. La colazione è compresa e servita in una grande tavolata dove poter condividere un caffè con tanta gente. Se non vi garbasse la soluzione c'è un comodo spazio divani.


Torna su

Mangiare, dove e come (mercati, supermercati o alimentari)

Colazione (desajuno):

Pochi anni orsono arrivando in quel della stazione di Plaza de Armas ( era  una temperata mattina di Dicembre), domandai un capuccino e  mi venne servita una bevanda che ad oggi è diventato il cult delle colazioni spagnole:

Il cafè con leche è assieme ad una buona Tostada, per un buon inizio, l' ideale e migliore in assoluto. Se poi preferite un espresso o il capuccino...

 

Cafè de indias è una catena di bar e caffetterie molto apprezzata da noi interrailers. Ottime le tostadas e anche i capuccini...Fanno sempre offerte e se il vostro ostello non ha la colazione può essere un'alternativa www.cafedeindias.com

Cafè Bar Genova in av.da de la Constitucion 10. Cafè con leche + Tostada + succo a 3€ ...   http://www.genova-cafebar.es/

Per gli amanti del cafè con leche, il migliore, per chi scrive , resta comunque quello servito in un bicchiere di vetro nel bar dell'Autoestacion di Plaza de Armas, dagli eleganti baristi in papillon nero. Ne avranno fatti così tanti che ormai la perfezione è quasi assoluta!

 

PRANZO E CENA (Tapas, montaditos, paella, ecc)

100montaditos è un particolare ed economicissimo ristorante di catena che serve i tipici panini spagnoli a prezzi ottimi con birra o tinto de verano a 2 € ... Se siete in giro per la città l'ideale è fermarsi a mangiare qualcosa in base alla fame. Difficile trovar posto nelle ore di punta. Impossibile in zona universitaria. Rinunciate a men che ve l'abbia ordinato il vostro dietista sevillano! www.100montaditos.com

Bodegon el Arco, in Calle Dos de Mayo 8. Localino di Tapas caratteristico serve piattini davvero divini. Ha anche i caratteristici tavoli a forma di botti di vino in legno ma, come anticipato, non sperate di trovar posto nelle ore di "punta".

Los Claveles, Plaza los Torceros 8, è un altro ristorantino strapieno e tradizionalissimo. Con pochi euro potete mangiare divinamente o sfondarvi se desiderate. Il montadito qui viene servito su un delicato pane morbido e spesso associato col queso (formaggio) ancora filante e bollente. Ristorantino  un po' complicato da trovare. Che il divino abbia cura del sevilliano che ci ha portato in questo luogo!

 


In generale

Sevilla è una città ricchissima di storia, tradizioni e cose da vedere e fare. Se apparentemente le dimensioni della città non sono da metropoli, l'impressionante varietà di eventi, edifici storici presenti in città e zone da visitare circostanti, vi costringerà a più viaggi o a una sosta molto lunga. E ripartire sarà sempre come uccidere il vostro cuore!


Torna su

Attrazioni, musei, parchi, negozi, locali, etc...

La Cattedrale di Santa Maria di Sevilla è sicuramente l'edificio più ammirato e il simbolo della città. Di notte si illumina e da tutte le terrazze di Hotel  della città viene immortalata  dagli scatti di turisti innamorati .  E' la cattedrale gotica più grande al mondo e, per quanto riguarda gli edifici religiosi, si pone alle spalle (per dimensioni) a San Pietro in Vaticano e San Paul di Londra. Se non la cercate la trovaterete, se non la guardate, la ammirerete...

La Ghirlanda è la torre campanaria della Cattedrale stessa. Fu iniziata nel 1156 e completata nel 1184 ed era in origine l'antico minareto (torre) della moschea di Sevilla. La storia ne ha modificato le diverse ricostruzioni e modificazioni, culture ma oggi è lì ad osservare tutti dall'alto. Dal 1987 fa parte del Patrimonio dell'UNESCO.

L' Alcazar probabilmente vi terrà impegnati per parecchie ore viste le sue imponenti dimensioni. Giardini in fiori, aranci, pavoni che scorrazzano liberi, fontane e tanto altro, dimorano in questo "edificio" sul quale è passata tutta la storia dell'ultimo millennio sevillano. Dagli  interni in perfetto stile arabo con piscine azzurre si salta ai verdi labirinti di siepi disegnati in stile inglese o alle sale colmate di quadri rappresentanti la la storia più recente della città. www.alcazarsevilla.org

La Plaza de España rappresenta un altro punto di ritrovo  e di immensa bellezza della citta andalusa. In Architettura neo-Moresca si distingue soprattutto per il canale a  forma ovale nel quale è quasi d'obbligo noleggiare una barchetta e navigare una mezzora. Se non vi sentite dei marinai, sedetevi ad ammirare tutta la bellezza dai ponticelli, dalle scale o dalle tante panchine.

L' Arena de Toros è un altro dei simboli della Spagna e di Sevilla. Qualunque sia il vostro pensiero su questo "sport", l'arena merita una visita nei musei che narrano la vita dei Toreros e soprattutto dei Tori che hanno alimentato la storia andalusa e sono stati sacrificati per essa. Incredibilmente affascinante il polveroso campo di battaglia accerchiato dalle platee.

 


Torna su

Da evitare

Le signore che cercano di vendere rametti in zona cattedrale. Fastidiose ed irritanti ma non troppo insistenti.

Ignoratele. Tutto il resto è poesia.


Torna su

Going Alone

Godetevi il calore della città. Se siete timidi e volete provare le tapas, cercate di mangiare attorno alle 19:30 o comunque prima delle 20. Vi sedete al banco, c'è ancora abbastanza spazio e senza uno spagnolo perfetto riuscite a provarne finchè volete.


Torna su

Consigli per le ragazze

Niente in particolare. Siviglia è viva a tutte le ore del giorno e fino a tardi la sera...

 Tranquilla. Valgono i soliti consigli.


Torna su

Dintorni e prossime tappe

  • Cadiz si raggiunge sia col treno che con l'autobus in un'ora e mezza e vale la pena soprattutto per le gite di un giorno. Il centro storico è molto raccolto e sfocia in mare  dopo un susseguirsi di viuzze e profumi da far perdere la testa..
  • Tarifa è la capitale dei surfisti , kitesurfer e i tipi da spiaggia in generale. I sevillani ci hanno consigliato una sosta più lunga rispetto a Cadiz proprio per l'abbondanza di spiagge e le caratteristiche tipiche del paese che si rivolgono ad un turista dedito allo sport "da mare".
  • Granada è, per la sua storia, meta quasi imperdibile di tutta l'Andalusia. Simbolo della "Reconquista" che rappresentò la liberazione religioso/territoriale della Spagna dai domini arabi nel 1492, è oggi una città divina, da assaporare, da vedere.